CONCORDATO N. 8/2014 E FALLIMENTO N. 19/2019, Vercelli

Categoria:
Fabbricato
Data:
27/11/2020
0,00

TRIBUNALE DI VERCELLI

VENDITA MODALITA’ ASINCRONA CONCORDATO N. 8/2014

E FALLIMENTO N. 19/2019

GIUDICE DELEGATO: d.ssa Claudia GENTILI

I Curatori del Fallimento n. 19/2019 avv. Gabriella Angela Massa e d.ssa Maria Maccarrone e il liquidatore giudiziale del Concordato Preventivo 8/2014 dott. Emilio De Giorgis COMUNICANO

di aver disposto la vendita telematica asincrona dei beni infra descritti che avrà luogo avanti i curatori del fallimento n. 19/2019 e al liquidatore giudiziale del concordato n. 8/2014 presso l’ufficio dell’avv. Massa in Alessandria, corso Crimea n. 35 il giorno 27 novembre 2020 alle ore 9.00

LOTTO UNICO

Il compendio immobiliare è ubicato nel comune di Santhià (VC), ed è composto da edifici ad uso industriale separabili in due distinti blocchi di fabbricati, suddivisi naturalmente dal Naviglio d’Ivrea. Gli edifici risultano destinati alla costruzione, riparazione e modifica di carrozze ferroviarie e per trasporto di passeggeri, di carri per trasporto merci ed in particolare l’allestimento con arredi ed impianti tecnologici. L’ingresso principale è posto su Piazza I Maggio, mentre quelli secondari sono disposti su C.so 2 Giugno, ex provinciale Torino-Svizzera per il comparto Sud. L’area dispone poi di accesso diretto alla Ferrovia sulla linea Torino-Milano e Santhià-Biella, in adiacenza sul lato Est della proprietà.

A margine dei fabbricati industriali sono presenti altre unità abitative di tipo residenziale destinate ad uffici o ad abitazione, oltre terreni agricoli ubicati quasi esclusivamente tra la linea Ferrovia Torino-Milano e la Strada per Tronzano. Il complesso immobiliare è costituito da una superficie di circa 214.000 mq.

Immobili del fallimento n. 19/2019

Piena proprietà in ragione di 1/1 di terreni per complessivi mq. 16.844 circa siti in Santhià e censiti al Catasto Terreni. Piena proprietà in ragione di 1/1 dei seguenti fabbricati tutti siti in Santhià e così censiti al Catasto Fabbricati del Comune di Santhià: b.1) Unità collabente Foglio 44, Particella 14, sub 5, Santhià (VC) Corso Due Giugno, cat. F/2; b.2) Area urbana Foglio 44, Particella 305, Santhià (VC) Corso Due Giugno, cat. F/1; b.3) Area urbana Foglio 44, Particella 299, Santhià (VC) Piazza Primo Maggio 1, cat. F/1; b.4) Unità collabente Foglio 42, Particella 54, sub 3, Santhià (VC) Strada Tronzano, cat. F/2; b.5) Unità collabente Foglio 44, Particella 279, sub 1, Santhià (VC) Strada Tronzano, cat. F/2; b.6) Area urbana Foglio 44, Particella 306, Santhià (VC) Strada Tronzano, cat. F/1; b.7)Abitazione Foglio 44, Particella 170, sub 2, Santhià (VC) Strada Tronzano 11, P.T., cat. A/4, cl. 2, 2 vani, R.C. € 88,83; b.8) Tettoia Foglio 44, Particella 170, sub 3, Santhià (VC) Strada Tronzano 11, P.T., cat. C/7, cl. 1, 59 mq., R.C. € 36,57; b.9) Abitazione Foglio 44, Particella 170, sub 1 graffato al sub 4, Santhià (VC) Strada Tronzano 11, P.T.- 1 – S1, cat.A/4, cl. 2, 4,5 vani, R.C. € 199,87; b.10) Capannone Foglio 42, Particella 27, sub 1, Santhià (VC) Via Camillo Cavour 1, P. S1-T 1-2, cat. D/8, R.C. € 5.732,67; b.11) Tettoia Foglio 42, Particella 27, sub 2, Santhià (VC) Via Camillo Cavour 1, P.T., cat. C/7, cl. 1, 105 mq., R.C. € 65,07.

La superficie complessiva degli immobili del fallimento IFI considerando anche i terreni è circa di 53.000 mq. Per maggiori informazioni si rimanda alla perizia di stima del perito ing. Pasquale Morello del 09.02.2020 e successiva integrazione del 17.07.2020, consultabile unitamente al bando presso i siti internet www.astegiudiziarie.it, www.tribunale.vercelli.giustizia.it, https://portalevenditepubbliche.giustizia.it, e tramite il sistema “Real Aste Real Estate” sui siti www.casa.it, www.idealista.it, www.kijijji.it.

Immobili del concordato n. 8/2014

Complesso industriale con una superficie complessiva di circa 161.000 ubicato a Santhià (VC) – Piazza I Maggio n° 1 così identificati: Foglio 44, part. 267 categoria D1, rendita catastale 103,29 €; Foglio 42, part 62, sub 73 categoria D1, rendita catastale 64.870,3 €, graffato F. 44, P. 26, S.1. Foglio 44, part 26, sub 2, categoria D1. Si richiama la relazione del perito, ing. Riccardo Marocchino del 13/08/2020 in ogni sua parte e, anche con riferimento all’attuale situazione esistente in merito alla coutenza dei Canali Cavour e alle irregolarità ivi indicate di cui l’ aggiudicatario deve prendere atto, assumendosi impegno all’esecuzione delle operazioni tutte individuate in perizia. Per maggiori informazioni si rimanda alla perizia di stima redatta dall’ing. Riccardo Marocchino del 13.08.2020 unitamente al bando di vendita presso i siti internet www.astegiudiziarie.it, www.tribunale.vercelli.giustizia.it, https://portalevenditepubbliche.giustizia.it, e tramite il sistema “Real Aste Real Estate” sui siti www.casa.it, www.idealista.it, www.kijijji.it.

Beni mobili del fallimento n. 19/2019

La perizia redatta dall’ing. Pasquale Morello descrive e dettaglia la consistenza di merci, materie prime, attrezzature, macchinari, autoveicoli, arredi, macchine d’ufficio ecc. rinvenuti in loco. La perizia é consultabile presso i siti internet www.astegiudiziarie.it, www.tribunale.vercelli.giustizia.it, https://portalevenditepubbliche.giustizia.it, e tramite il sistema “Real Aste Real Estate” sui siti www.casa.it, www.idealista.it, www.kijijji.it. Si precisa che l’elenco dei beni mobili di cui alla perizia è meramente indicativo e si intendono esclusi dalla presente vendita tutti i beni mobili che non saranno rinvenuti, per qualunque causa, al momento della consegna all’acquirente nonché i beni oggetto delle domande di rivendica, senza che ciò possa dar luogo a richieste di riduzione del prezzo, risarcimento danni o indennizzi di sorta.

******

PREZZO BASE D’ASTA: € 5.162.000,- (cinquemilionicentosessantaduemila/00) oltre alle imposte di legge. OFFERTA MINIMA accettabile: € 3.875.000 – (tremilioniottocentosettantacinquemila/00), oltre alle imposte di legge. Non è consentito l’inserimento di importi con decimali. RILANCIO MINIMO: € 50.000,- (cinquantamila/00). La vendita del lotto unico, relativamente alla parte del prezzo attribuibile al compendio immobiliare è soggetta al regime iva per opzione e ricorrendone i presupposti, si rende applicabile la normativa sul reverse charge.

La parte del corrispettivo di aggiudicazione da imputarsi ai beni mobili del fallimento n. 19/2019, sarà assoggettata ad iva.

******

Si avverte che la vendita è a titolo originario per beni nello stato di fatto in cui si trovano, esclusa qualunque garanzia per vizi, difetti e/o diversa consistenza degli stessi. La vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Le modifiche catastali che si rendessero eventualmente strettamente necessarie a richiesta del notaio rogante per acquisire le conformità catastali ai sensi della L. 122/2010 dovranno essere effettuate a cura e spese dell’aggiudicatario prima della sottoscrizione dell’atto di trasferimento. A carico dell’aggiudicatario sono tutti gli oneri e i costi per lo smaltimento delle coperture in amianto presenti nel complesso immobiliare nonché dei rifiuti di qualsiasi genere, compresi eventuali rifiuti tossici, nocivi, ecc. presenti negli immobili sopra indicati. L’aggiudicatario assumerà a proprio carico e spesa ogni eventuale adeguamento di legge ivi inclusa la regolarità urbanistica anche in ragione delle disposizioni di cui al D. Lgs. 81/2008 (e successive modificazioni).

L’offerta irrevocabile di acquisto deve essere irrevocabile e per la durata di 90 giorni e dovrà essere depositata con le modalità indicate nel regolamento entro le ore 12.00 del giorno 26.11.2020 tramite invio all’indirizzo Pec del Ministero della Giustizia: offertapvp.dgsia@giustiziacert.it. Si precisa che per problematiche tecniche, e al fine di evitare duplicazioni di aule virtuali, la pubblicità sul Portale delle Vendite Pubbliche verrà fatta unicamente dal fallimento per conto di entrambe le procedure: per questo motivo nell’offerta bisogna richiamare solo questa procedura. L’offerente, prima di effettuare l’offerta di acquisto telematica, dovrà versare a titolo di cauzione una somma pari almeno al 10% del prezzo offerto esclusivamente tramite: bonifico bancario riportato nel regolamento di vendita. L’esame delle offerte e lo svolgimento dell’eventuale gara sarà effettuato tramite il portale www.astetelematiche.it. I curatori e il liquidatore giudiziale apriranno la gara telematica tra gli offerenti con la modalità asincrona sul prezzo offerto più alto. la gara avrà la durata di 1 (un) giorno nella data del 27.11.2020, dalle ore 9.00 (nove) alle ore 17.00 (diciassette). L’atto traslativo dovrà essere stipulato entro il termine perentorio di 140 (centoquaranta) giorni solari a decorrere dall’aggiudicazione. Il saldo prezzo, comprensivo dell’eventuale IVA, dovrà essere versato in ogni caso entro 120 (centoventi) giorni dall’avvenuta aggiudicazione. In sede di atto notarile traslativo dovranno essere pagate dall’aggiudicatario, direttamente al notaio, le imposte gravanti sul trasferimento. La proprietà, disponibilità e immissione in possesso dei beni mobili sopra indicati si trasferisce a favore dell’aggiudicatario al momento della stipula dell’atto notarile traslativo dei beni immobili. Relativamente ai beni mobili, in particolare ai macchinari, attrezzature, carri ponte ecc. si fa presente che gli eventuali adeguamenti alle normative di legge previste dallo Stato nei quali i beni saranno utilizzati/commercializzati sono a carico degli acquirenti e che in difetto i macchinari non potranno essere utilizzati. Si rinvia al DPR 459/96 pubblicato in G.U. n. 209 in data 6.9.1996 (direttiva macchine e macchinari usati).

*****

Gli interessati all’acquisto hanno diritto di esaminare i beni posti in vendita a tal fine contattando uno dei due Curatori o il Liquidatore Giudiziale ai recapiti di seguito indicati: dott.ssa Maria Maccarrone: Telefono 0142.461355, Fax 0142.909833, e-mail: info@studiomaeg.it; avv. Gabriella Angela Massa, Telefono 0131.251524, Fax 0131.305328, e-mail: info@avvocatomassa.com – dott. Emilio De Giorgis: Telefono 011.549834, Fax 011.534207, e-mail: edg@studioedg.it

Vercelli, lì 13.10.2020

Categoria: fabbricato
Cauzione: 10% del prezzo offerto
Tribunale: Vercelli
Numero di registro: 8/2014 - 19/2019
Giudice: GIUDICE DELEGATO: d.ssa Claudia GENTILI
Delegato: Liquidatore Giudiziale dott.ssa Maria Maccarrone - avv. Gabriella Angela Massa - dott.Emilio DeGiorgis
Telefono del delegato: Telefono 0142.461355, Fax 0142.909833, e-mail: info@studiomaeg.it; Telefono 0131.251524, Fax 0131.305328, e-mail: info@avvocatomassa.com - Telefono 011.549834,Fax 011.534207, e-mail: edg@studioedg.it- 011.549834,Fax 011.534207, e-mail: edg@studioedg.it